azienda agricola pt

Panarea (Me)
Azienda agricola e Giardino privato
Tesi di laurea e progetto paesaggistico
2016

*

L’obiettivo del presente lavoro è analizzare un approccio al progetto di paesaggio in grado di combinare la conservazione del patrimonio culturale legato alle specie vegetali e quello ecologico di conservazione della biodiversità.
Il sito di progetto si trova a Panarea, isola parte dell’Arcipelago Eoliano; nello specifico si affronterà il caso di un’azienda agricola a Drautto. Sull’80% della sua superficie è stato istituito il SIC ITA 030025 “Riserva Isola di Panarea e Scogli vicinori”, per cui risulta di primaria importanza prestare grande attenzione alla componente conservazionistica e alle specie che si decidono di introdurre in un progetto di paesaggio da sviluppare al suo interno.
Le ricerche etnobotaniche sono state svolte attraverso una serie di interviste agli abitanti dell’isola e alla consultazione di studi precedenti in ambito eoliano. La ricerca fin qui descritta si è poi concretizzata in un progetto paesaggistico dell’azienda agricola, incentrato sugli aspetti vegetazionali e produttivi e sul ripristino delle forme agrarie storiche come la coltura promiscua. L’attuale conformazione aziendale prevede un vigneto in via di impianto, e si propone un’integrazione con coltura orticole e frutticole. Si è scelto di non scendere nel dettaglio progettuale, ma favorire una visione sistemica d’insieme, ponendo interesse a tematiche come l’approvvigionamento idrico, il recupero dei terrazzamenti esistenti e l’individuazione di fondi del PSR in grado di coprire una parte consistente delle spese da sostenere per avviare un’attività agricola di questo tipo.
Il presente studio si propone di fornire delle linee guida applicabili ad altri casi simili in contesto Eoliano, in cui la progettazione paesaggistica abbia il fine di integrare gli aspetti culturali che da secoli disegnano il paesaggio con gli aspetti di conservazione di tale patrimonio vegetale volti ad una produzione sostenibile in grado di generare un reddito che in loco porti l’attenzione sul caso e sia stimolo ad una ripresa agricola consapevole.